NOTIZIE LOCALI

Cronaca CITTA' DI CASTELLO - LA SENTENZA CAUSA VINTA CONTRO UN SETTIMANALE: L'IMPEGNO DEL SINDACO

«Nel ricordo di Maria Geusa. Un progetto destinato ai bimbi»

NEL RICORDO della piccola Maria Geusa. «Utilizzeremo la cifra che ci sarà corrisposta come risarcimento danno per iniziative rivolte ai bambini e legate al nome di Maria, magari coinvolgendo le scuole o le associazioni». In questi suoi ultimi giorni da sindaco Fernanda Cecchini vuole mantenere un impegno preso nell'aprile del 2004 quando Città di Castello divenne, suo malgrado, lo sfondo di questa terribile vicenda di cronaca (la violenza e l'uccisione della bimba di poco più di 2 anni). Nel capoluogo si catapultarono mass media da tutta Europa e tantissime tv e testate nazionali. Una di queste però in un servizio pubblicato proprio in quei giorni caldi, collegò di fatto l'omicidio alla cittadina tifernate descritta con toni da girone dantesco. Il settimanale era «Panorama» (edizione del 22 aprile 2004) ed il Comune lo denunciò per diffamazione. Ora, dopo 6 anni di carte bollate ed udienze arriva l'attesa svolta. Il giudice Daniele Cenci della sezione distaccata del tribunale appena tre giorni fa ha depositato la sentenza su questo caso, dichiarando il settimanale «responsabile per i danni cagionati al Comune a causa dell'illecita pubblicazione dell'articolo dal titolo ‘Certi inconfessabili segreti' e condanna al risarcimento dei danni (quantificabili in circa 70 mila euro, ndr)». A tutelare il Comune in questa battaglia legale, l'avvocato Fabrizio Mastrangeli che ieri è intervenuto nella conferenza stampa convocata dal sindaco ricordando che ad aver mosso «il suo impegno, più che la sua professione, fu il sentirsi un cittadino tifernate». E come lui furono tante le persone, anche illustri, mosse da spirito di appartenenza al territorio, che scrissero lettere inviandole in Comune e poi prodotte nel corso del procedimento. Nell'articolo secondo quanto ricordato dal sindaco «la vicenda fu inserita in un contesto sociale da ‘città dei mostri' dove droga, prostituzione e fatti scabrosi sembravano essere all'ordine del giorno, dando un'immagine assolutamente lesiva di Città di Castello». Ma l'altro lato di questa vicenda, forse quello più interessante dal punto di vista sociale, è proprio l'impegno che la Cecchini, tra gli ultimi atti da sindaco, ha voluto ribadire lasciandolo nelle mani di chi verrà dopo di lei. E' un progetto dedicato ai bambini, per ricordare la piccola Maria. Progetto che avrà le gambe solo al termine del procedimento giudiziario «visto che - ha ricordato l'avvocato - siamo solo al primo grado di giudizio e non è escluso che la controparte ricorra in appello». Per ora il risarcimento si aggira sui 70 mila euro, ma la cifra è aleatoria. Nella vicenda, oltre al giornalista Giacomo Amadori che firmò l'articolo, fu coinvolta anche Maria Odoni che collaborò a quel servizio, prosciolta però da ogni responsabilità. Maria Geusa morì all'ospedale di Città di Castello il 5 aprile 2004, per questo omicidio è in carcere l'imprenditore biturgense Giorgio Giorni che abusò della bimba fino a provocarne la morte nell'appartamento che aveva in affitto in via Angeloni nel cuore del capoluogo tifernate. E' ancora in corso il processo alla madre della bambina per concorso in omicidio.

di CRISTINA CRISCI

notizia tratta da La Nazione

 

Inserita il : 12-05-2010 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Cronaca

DOPPIA INCHIESTA

Soldi e lotti: acquisiti i documenti in Comune

di ERIKA PONTINI e FRANCESCA MARRUCO - PERUGIA - DA UNA PARTE il flusso di finanziamenti per costruire la moschea di Umbertide; dall'altra l'iter amministrativo per la vendita dei terreni comunali e la variante al Piano regolatore con il permesso a costruire una struttura da 650 metri quadrati: sono due... continua >>

(24-11-2017)

La Usl rassicura i cittadini. Famiglie sul piede di guerra

Scabbia a scuola, lettera ai genitori Basso rischio ma controllate i figli

CITTA' DI CASTELLO - UN CASO di scabbia è stato registrato in una scuola della città. L'infezione della pelle causata da un acaro è stata segnalata in una classe dell'elementare di San Pio X. Subito la Usl Umbria 1, con la responsabile del servizio di igiene e sanità pubblica, e... continua >>

(23-11-2017)

Addio Oriano

E' morto a 61 anni il presidente dell'Unitab

- CITTA' DI CASTELLO - ORIANO GIOGLIO per la tabacchicoltura era un punto di riferimento storico, un padre di tante battaglie e, per questo, è stato protagonista dello sviluppo economico dell'Umbria. Uomo dai modi garbati, si è mossa per una vita intera ai vertici delle maggiori organizzazioni nazionali ed europee... continua >>

(23-11-2017)

Assolti due imprenditori tifernati

IL PROCESSO ERANO ACCUSATI DI AGGRESSIONE

- CITTA' DI CASTELLO - ERANO accusati di essere i mandanti di un'aggressione, ma sono stati assolti per non aver commesso il fatto. Si tratta di due imprenditori di Città di Castello (Sandro Pauselli e la moglie, Alida Cecconi), accusati di essere i mandanti di un episodio avvenuto a maggio... continua >>

(22-11-2017)

Delitto di Katia, l’assassino fa ricorso in appello

SANSEPOLCRO I LEGALI DI PITER POLVERINI PUNTANO AD OTTENERE UNO SCONTO DI PENA

FA APPELLO contro la sentenza di primo grado Piter Polverini, l'uomo che nella notte tra l'11 e il 12 luglio dello scorso anno uccise Katia Dell'Omarino. In primo grado i giudici avevano inflitto all'uomo una condanna a 16 anni, il massimo possibile con il rito abbreviato. Ma contro quella sentenza... continua >>

(22-11-2017)

Benedetta Rossi tredicesima tra le italiane: Un sogno che si avvera

La maratona come regalo di laurea Neodottoressa incanta New York

- CITTA' DI CASTELLO - QUEL PETTORALE, il numero 15.215 della Maratona di New York, è arrivato come regalo per il raggiungimento della laurea. Così la tifernate Benedetta Rossi ha coronato il sogno di tutti i maratoneti, correre la maratona più famosa del mondo. Un desiderio che si avvera a... continua >>

(21-11-2017)

In aumento gli accessi al Pronto soccorso Presto una nuova unita' mobile

UMBERTIDE IL PD: ‘MA SERVE PIU’ PERSONALE’

- UMBERTIDE - SONO NUMERI importanti quelli dell'ospedale di Umbertide, diffusi dal direttore ngenerale della Asl 1 Andrea Casciari. Il pronto soccorso ha visto 13.829 accessi (+561 rispetto al 2016 +1.037 rispetto al 2015), mentre gli interventi di chirurgia ambulatoriale segnano un +124. Funziona il modello... continua >>

(21-11-2017)

Stadio inagibile: ma finalmente partono i lavori

SANSEPOLCRO IN SETTIMANA L’INTERVENTO, IL RITORNO AL 'BUITONI' FORSE IL 14 GENNAIO

PRENDERANNO IL VIA nel corso di questa settimana i lavori di riqualificazione dello stadio Buitoni di Sansepolcro, con la speranza che le condizioni atmosferiche non siano tali da far slittare i tempi oltre l'obiettivo prefissato dall'amministrazione comunale. «Il Sansepolcro giocherà un'altra partita a Città di Castello, quella del 10 dicembre... continua >>

(20-11-2017)

Aveva illuso una ragazza e si era fatta consegnare soldi dalla famiglia

Ti faccio assumere in Comune Donna condannata a 14 mesi

di FRANCESCA MARRUCO - CITTA' DI CASTELLO -UN ANNO e due mesi con pena sospesa e parti civili escluse. E' finito con un patteggiamento il processo ad una 47enne di Umbertide che aveva fatto credere ad una ragazza che le avrebbe fatto ottenere un posto come archivista in Comune. Inoltre... continua >>

(17-11-2017)

Ladri in azione, svaligiati due appartamenti

SANSEPOLCRO SVENTATI ALTRI DUE COLPI, TORNA L’APPRENSIONE TRA LA POPOLAZIONE

DUE FURTI sventati domenica scorsa, ma anche due messi a segno nel corso della settimana. Con il buio già calato, i ladri hanno colpito a inizio settimana in un paio di appartamenti a Sansepolcro e anche l'ammontare del bottino trafugato sembra avere una certa consistenza. Il primo di questi appartamenti... continua >>

(17-11-2017)

Che Tempo Fara'