NOTIZIE LOCALI

Altre di Cronaca LO SPORT IN LUTTO E' STATO AL VERTICE DEL CITTA' DI CASTELLO E DEL SELCI NARDI. DOMANI I FUNERALI

Addio a Marcello Ortalli, il presidente-gentiluomo

di FABRIZIO PALADINO
- CITTA' DI CASTELLO -
E' STATO lui, il dottor Marcello Ortalli, il vero presidente-gentiluomo. Quello amato da tutti, impegnato da sempre nel sociale, con la grande passione dello sport e del calcio in particolare. Il «presidente» se ne è andato durante la notte tra lunedì e martedì (nel giorno del suo ottantaseiesimo compleanno), dopo aver combattuto una malattia che non gli ha dato scampo.
ERA RICOVERATO da alcuni giorni all'ospedale di Città di Castello dove familiari e amici, anche nelle ultime sue ore, non lo hanno certo lasciato solo. Conosciuto dirigente calcistico in tutta la regione, giocatore in gioventù, avendo vestito le maglie da portiere del suo Città di Castello e poi del Gubbio nei campionati di serie D degli anni cinquanta. Una brillante carriera professionale alle spalle: laurea in farmacia, il lavoro in una società farmaceutica di livello mondiale arrivando a ricoprire incarichi di massimo livello. E poi, di ritorno nella «sua» Città di Castello, gli incarichi dirigenziali nel gruppo Cepu, ma anche e soprattutto nel mondo del calcio.
NEI PRIMI anni '90 si avvicina al Selci Nardi in quanto vi militava il figlio Enrico, poi prematuramente scomparso. Sempre a fianco della Cepu anche nell'esperienza all'Arezzo insieme a Egidio Polidori; diventa poi presidente del club rossonero nei primi anni del 2000 e a maggio scorso è stato pure premiato dalla stessa società selciarina in occasione dei 70 anni dalla fondazione. Negli anni successivi è consigliere del Panathlon Valtiberina, presidente dell'Associazione Veterani dello Sport, poi entra nel Città di Castello quale rappresentante del gruppo Cepu fino a ricoprire la carica di presidente che ha significato pure la vittoria di un campionato di Eccellenza, con promozione in serie D ed anche un coppa Italia di categoria. Da due anni era presidente onorario della società capitanata da Stefano Caldei.
«ERA UN VERO signore, lo è sempre stato, anche nella discrezione con la quale seguiva il ‘suo' Città di Castello - è stato sottolineato in una nota del club - ora che non ricopriva più ruoli operativi. Ci mancherà, come mancherà a tutti coloro i quali hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Un amico insostituibile, prima ancora che il dirigente appassionato e partecipe». Anche il sindaco Luciano Bacchetta e l'assessore allo sport Massimo Massetti hanno manifestato il loro dolore per la scomparsa. Ortalli lascia il figlio Nicola e i fratelli Delia e Gino. L'ultimo saluto a Marcello Ortalli, domani alle 14,30 nel Santuario della Madonna delle Grazie.
notizie tratte da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 11-01-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre di Cronaca

Sulla E45

Cabina del tir distrutta dalle fiamme Paura e disagi

E' RIUSCITO a fermare il tir in una piazzola di sosta prima che la cabina fosse completamente distrutta dalle fiamme. Paura questa mattina lungo la E45 fra Pierantonio e Umbertide in direzione di Cesena. Un rogo ha interessato un mezzo pesante, che trasportava sanitari. L'autista, appena ha capito cosa stava... continua >>

(27-04-2017)

Sicurezza, utilizziamo la Municipale

UMBERTIDE IL CONSIGLIERE GALMACCI DOPO GLI SPARI DELLA NOTTE DI PASQUA

«LA SITUAZIONE è veramente grave come d'altronde avevo più volte denunciato, finora però ben poco è stato fatto in tema di prevenzione. L'allora sindaco Giampiero Giulietti tergiversava sull'installazione di telecamere di videosorveglianza; il sindaco attuale Locchi invece, non si è ancora deciso a dotare i vigili urbani di armi previste... continua >>

(21-04-2017)

Interviene Burzigotti (Anmil): Non siamo piu' un'isola felice

Spari, Giulietti fa appello al ministro. 'A Umbertide servono piu' controlli'

UN'INTERROGAZIONE al ministro dell'interno Marco Minniti. L'ha presentata l'onorevole Giampiero Giulietti dopo la sparatoria della notte di Pasqua. «Un fatto - dice il deputato umbertidese - che testimonia una escalation di violenza della criminalità locale che fino ad oggi la nostra città non aveva conosciuto». E mentre la violenza che... continua >>

(20-04-2017)

Il giovane albanese confessa. Intanto le indagini vanno avanti

Ho sparato per un debito di droga Ma erano in otto, volevano pestarci

LA CONFESSIONE, almeno parziale, arriva subito. Il 24enne albanese indagato a piede libero per lesioni e porto abusivo d'arma da fuoco, rintracciato dopo il regolamento di conti in via Alfonsine a Umbertide, a pochi passi dal parco Ranieri, ammette di essere l'autore degli spari che hanno gambizzato un connazionale di... continua >>

(19-04-2017)

Raffica di colpi di pistola tra albanesi. Appello del sindaco al prefetto

Gambizzato nella notte di Pasqua La gente di Umbertide ha paura

«ERO sul piazzale della chiesa per la cerimonia del fuoco che precede la veglia di Pasqua. Intorno alle 22.30 ho sentito alcuni ‘botti'. Mi ha colpito la successione, prima un colpo poi altri 3 o 4 rapidissimi, che non è propria dei petardi. Ho pensato per un attimo fossero dei... continua >>

(18-04-2017)

Sessanta giorni di tempo per completare il lavoro: il pool di esperti

Katia, affidate le perizie su Piter. Sentenza a un anno esatto dal delitto

di FABRIZIO PALADINO A UN ANNO esatto dall'omicidio di Katia Dell'Omarino si conoscerà la sentenza di primo grado nei confronti del venticinquenne Piter Polverini, il giovane di San Giustino umbro in carcere dallo scorso mese di settembre con l'accusa di aver ucciso la donna di Sansepolcro. Ieri mattina, infatti, difronte al... continua >>

(15-04-2017)

Ma lo sciopero degli avvocati potrebbe di nuovo far saltare tutto

Delitto di Katia, oggi il via libera alla doppia perizia su Piter?

di CLAUDIO ROSELLI  OMICIDIO di Katia Dell'Omarino: è il giorno dell'ok alle due perizie su Piter Polverini. Ma non è detto. Stamani, in teoria, si torna in aula al tribunale di Arezzo per completare l'iter interrotto lo scorso 4 aprile, quando era venuta a mancare la notifica per uno dei... continua >>

(14-04-2017)

Investimento di centomila euro anche nell'area a ridosso del fiume

Ora il Tevere e' diventato piu' sicuro Argini e pulizia, interventi conclusi

di CLAUDIO ROSELLI  FINALMENTE un aspetto dignitoso, o comunque migliore, per l'alveo del Tevere dal ponte sulla Senese Aretina a Sansepolcro fino al confine con l'Umbria. Gli interventi di ripulitura eseguiti non hanno avuto una finalità meramente «estetica» (della quale c'era comunque bisogno) ma anche di sicurezza; si può pertanto... continua >>

(13-04-2017)

Al lavoro ragazzi e operatori del centro riabilitativo 'Flauto Magico'

Un gesto d'aiuto alla comunita' Ripulite le sponde del Tevere

PER ALCUNE ore hanno lasciato le loro strutture e, dopo aver indossato guanti e stivali ed essersi rimboccati le maniche, hanno dato una mano sotto lo sguardo attento degli operatori, per un nobile obiettivo: quello di ripulire le sponde del fiume Tevere. Sono i ragazzi diversamente abili del centro socio... continua >>

(13-04-2017)

Anghiari, blitz della forestale dei carabinieri. Non avevano nessuna autorizzazione

Trasportavano rifiuti speciali: tre finiscono nei guai

TRASPORTAVANO rifiuti speciali, alcuni dei quali pericolosi, senza la necessaria autorizzazione: in tre si sono beccati la denuncia da parte dei carabinieri della Stazione Forestale di Sansepolcro, che sono risaliti all'intero meccanismo di gestione dell'attività. Tutto è nato nel corso di un normale servizio di istituto: la pattuglia si trovava... continua >>

(12-04-2017)

Che Tempo Fara'

Sansepolcro Tempo Min Max
venerdì 4 13
sabato 2 15
domenica 4 17