NOTIZIE LOCALI

Altre di Cronaca LO SPORT IN LUTTO E' STATO AL VERTICE DEL CITTA' DI CASTELLO E DEL SELCI NARDI. DOMANI I FUNERALI

Addio a Marcello Ortalli, il presidente-gentiluomo

di FABRIZIO PALADINO
- CITTA' DI CASTELLO -
E' STATO lui, il dottor Marcello Ortalli, il vero presidente-gentiluomo. Quello amato da tutti, impegnato da sempre nel sociale, con la grande passione dello sport e del calcio in particolare. Il «presidente» se ne è andato durante la notte tra lunedì e martedì (nel giorno del suo ottantaseiesimo compleanno), dopo aver combattuto una malattia che non gli ha dato scampo.
ERA RICOVERATO da alcuni giorni all'ospedale di Città di Castello dove familiari e amici, anche nelle ultime sue ore, non lo hanno certo lasciato solo. Conosciuto dirigente calcistico in tutta la regione, giocatore in gioventù, avendo vestito le maglie da portiere del suo Città di Castello e poi del Gubbio nei campionati di serie D degli anni cinquanta. Una brillante carriera professionale alle spalle: laurea in farmacia, il lavoro in una società farmaceutica di livello mondiale arrivando a ricoprire incarichi di massimo livello. E poi, di ritorno nella «sua» Città di Castello, gli incarichi dirigenziali nel gruppo Cepu, ma anche e soprattutto nel mondo del calcio.
NEI PRIMI anni '90 si avvicina al Selci Nardi in quanto vi militava il figlio Enrico, poi prematuramente scomparso. Sempre a fianco della Cepu anche nell'esperienza all'Arezzo insieme a Egidio Polidori; diventa poi presidente del club rossonero nei primi anni del 2000 e a maggio scorso è stato pure premiato dalla stessa società selciarina in occasione dei 70 anni dalla fondazione. Negli anni successivi è consigliere del Panathlon Valtiberina, presidente dell'Associazione Veterani dello Sport, poi entra nel Città di Castello quale rappresentante del gruppo Cepu fino a ricoprire la carica di presidente che ha significato pure la vittoria di un campionato di Eccellenza, con promozione in serie D ed anche un coppa Italia di categoria. Da due anni era presidente onorario della società capitanata da Stefano Caldei.
«ERA UN VERO signore, lo è sempre stato, anche nella discrezione con la quale seguiva il ‘suo' Città di Castello - è stato sottolineato in una nota del club - ora che non ricopriva più ruoli operativi. Ci mancherà, come mancherà a tutti coloro i quali hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Un amico insostituibile, prima ancora che il dirigente appassionato e partecipe». Anche il sindaco Luciano Bacchetta e l'assessore allo sport Massimo Massetti hanno manifestato il loro dolore per la scomparsa. Ortalli lascia il figlio Nicola e i fratelli Delia e Gino. L'ultimo saluto a Marcello Ortalli, domani alle 14,30 nel Santuario della Madonna delle Grazie.
notizie tratte da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 11-01-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre di Cronaca

Comune scrive a Telecom. Servizio primario occorre ripristinarlo

Blackout manda in tilt i telefoni In duemila restano isolati

OLTRE due mila persone senza linea telefonica fissa, molti anche senza linea del cellulare. E poi internet, con tutti i social collegati, le linee dati, i fax. Senza contare i problemi per le attività commerciali e le aziende. Disagi senza fine per chi vive e lavora nella zona della Val... continua >>

(15-07-2017)

E’ quanto dicono, dati alla mano, i consiglieri di opposizione

Polisport, storia di un fallimento Economico e amministrativo

«POLISPORT non è stata messa sul mercato solo perché non appetibile dal punto di vista economico con un andamento finanziario altalenante» ricostruito dai gruppi di opposizione Tiferno Insieme e Castello Cambia in un dossier mini diramato in queste ore. Si continua così a parlare di Polisport (che sta per confluire... continua >>

(08-07-2017)

Umbertide non si placano le polemiche dopo la rissa tra immigrati

Monni: 'L'imam faccia chiarezza'

- UMBERTIDE - CONTINUA a far discutere la rissa tra immigrati che ha coinvolto, tra gli altri, l'imam locale Chafiq El Oquayly, il trentasettenne Abdelassam Azza, ancora ricoverato in ospedale. Giovanna Monni (nella foto) del centrodestra parla di fatti gravissimi e invita l'imam, nel suo stesso interesse, a fare assoluta chiarezza,... continua >>

(24-06-2017)

Umbertide sentiti dai carabinieri l'imam, alcuni testimoni e due politici locali

Rissa alla moschea, scattano gli interrogatori

- UMBERTIDE - GIORNATE di interrogatori per far chiarezza sulla rissa che ha coinvolto l'imam Chafiq El Oqayly e Abdelassam Azza, marocchino di 37 anni (ora in ospedale con 30 giorni di prognosi), ma anche altre persone, di cui i carabinieri, del Nucleo operativo di Perugia, intendono ricostruire identità e responsabilità.... continua >>

(22-06-2017)

Sansepolcro quest'anno gia' operativi a giugno, vista l'ondata di caldo

Il gruppo della protezione civile contro gli incendi. Task-force di trenta persone operativa 24 ore

FINO ALLO SCORSO anno si cominciava il primo luglio, ma stavolta il caldo torrido ha imposto di anticipare il periodo della massima allerta in relazione agli incendi boschivi in Valtiberina Toscana. Che peraltro si sono già verificati in un paio di circostanze, anche se hanno interessato superfici non vaste. «L'andamento... continua >>

(22-06-2017)

Che Tempo Fara'

Sansepolcro Tempo Min Max
venerdì 15 34
sabato 15 34
domenica 17 34