NOTIZIE LOCALI

Altre notizie Ecco come far convivere ambulanti e negozianti. Il documento

Commercio in centro, si cambia. In arrivo il nuovo regolamento

- CITTA' DI CASTELLO -
COME FAR convivere nella maniera migliore possibile il commercio ambulante, quello fisso e le tante manifestazioni che si svolgono nel centro storico? Un problema annoso per Città di Castello che ora sarà definitivamente risolto con un percorso ad hoc. Verrà infatti elaborato un documento con le associazioni di categoria, da sottoporre poi alla giunta e al consiglio comunale, per cambiare alcune regole del commercio in centro storico. Il progetto dovrà infatti tenere conto anche dei luoghi nel centro storico dove si svolgono tradizionalmente i mercati cittadini.
DI QUESTO si è parlato nel corso della terza commissione consiliare, «Servizi e Partecipazioni», presieduta da Giovanni Procelli che ha discusso alcune proposte-sollecitazioni avanzate dai consiglieri comunali della Lega Nord, Riccardo Augusto Marchetti e Valerio Mancini, anche a seguito di un ‘sondaggio' con i commercianti. Nel documento venivano chiesti «la valorizzazione delle diverse attività commerciali fisse e ambulanti, interventi di potenziamento e rilancio del mercato cittadino e una più ampia valutazione delle problematiche del traffico per gli eventi in genere, sia fieristici che sportivi». Particolare attenzione è stata rivolta anche all'accesso all'interno delle piazze Matteotti e Gabriotti, Corso Vittorio Emanuele «con la previsione irrimandabile di specifici orari di carico e scarico che obbligano negozianti, cittadini e commercianti a continui disagi». Il presidente della commissione Procelli, ha fatto riferimento alla necessità «di acquisire proposte e suggerimenti da tutti i gruppi consiliari per consentire al Comune, in sede di elaborazione del documento, di tenere conto delle diverse istanze e coniugare i diritti di commercianti, residenti, turisti».
L'ASSESSORE al commercio Riccardo Carletti, (presente all'incontro assieme alla dirigente Marina Vaccari e al responsabile Ufficio Commercio Graziano Giaccaglia), ha evidenziato: «Nel corso degli ultimi anni, a seguito dei lavori di ripavimentazione di piazze e vie del centro storico e alla diversa articolazione di manifestazioni culturali per quello che riguarda lo svolgimento dei mercati cittadini del giovedì e sabato, si è dovuto procedere a qualche necessario cambiamento di luogo e variazioni di programma».
notizie tratte da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 17-02-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre notizie

Nardi, deciso lo sciopero a oltranza Il manager: ‘Politici rimasti a guardare’

SAN GIUSTINO MARTEDI' INCONTRO IN REGIONE CON LA NUOVA PROPRIETA'

- SAN GIUSTINO - L'ASSEMBLEA dei lavoratori della Nardi, riunita ieri mattina in azienda insieme ai sindacati, ha stabilito il proseguo dello sciopero e il presidio dei cancelli, a oltranza, o almeno fino a che la situazione non si sbloccherà. Da lunedì inizia dunque la quarta settimana di proteste. Sul... continua >>

(27-01-2018)

Che Tempo Fara'