NOTIZIE LOCALI

Altre di Cronaca Il giovane albanese confessa. Intanto le indagini vanno avanti

Ho sparato per un debito di droga Ma erano in otto, volevano pestarci

LA CONFESSIONE, almeno parziale, arriva subito. Il 24enne albanese indagato a piede libero per lesioni e porto abusivo d'arma da fuoco, rintracciato dopo il regolamento di conti in via Alfonsine a Umbertide, a pochi passi dal parco Ranieri, ammette di essere l'autore degli spari che hanno gambizzato un connazionale di 36 anni. Adesso, difeso dal suo avvocato di fiducia, Omar Khmayes, spiega di aver vissuto per mesi un incubo fatto di minacce, estorsioni e pestaggi, prima dell'aggressione del Sabato Santo per un modesto debito di droga di poche centinaia di euro che lui aveva nei confronti del gruppo di cui faceva parte il 36enne ferito.
E' UNA VICENDA ancora tutta da scrivere quella sfociata nella gambizzazione dell'albanese ricoverato in ospedale a Città di Castello dopo essere stato raggiunto da due colpi di arma da fuoco al ginocchio e ad un piede. Una vicenda che coinvolge traffici di droga all'ombra di clan stranieri. Il 24enne, un metalmeccanico incensurato con un problema di assunzione di cocaina, tanto da aver tentato la strada del Sert, è stato interrogato lunedì dal pubblico ministero Michele Adragna che coordina le indagini del commissariato di Città di Castello e della squadra mobile di Perugia, ribaltando l'intera storia. Ha spiegato agli inquirenti di essere finito nel giro della droga e di aver maturato, nel tempo, debiti con il gruppo di cui faceva parte il connazionale ferito. All'appuntamento con gli spacciatori andò insieme allo zio e ad un cugino, per paura. Il gruppo si presentò invece con due auto: otto-nove persone in tutto che avrebbero cominciato a pestare i parenti. Lui si procurò una pistola, proprio per andare all'ennesimo incontro chiarificatore sapendo che rischiava di essere picchiato. Sospettava che i connazionali volessero vendicarsi. E sparò - questa la sua versione - solo quando venne aggredito. Tre colpi in aria, due contro il fratello dell'albanese che ha indicato come il ‘capo'. Il resto è la fuga, la pistola, una semiautomatica che viene gettata nel Tevere. Ai poliziotti ha indicato il punto esatto ma, finora, le ricerche hanno dato esito negativo. Una versione su cui sono in corso le indagini per capire se il 24enne abbia raccontato tutto, oppure se dietro al violento confronto che ha scosso Umbertide ci sia anche dell'altro.
Erika Pontini
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 19-04-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre di Cronaca

Baldi: 'Nella vallata e' attivo un gruppo di esperti che lavora in team'

Droga e alcol, il disagio giovanile. Qui avanguardia nella prevenzione

di CLAUDIO ROSELLI - SANSEPOLCRO - ATTENZIONE alle nuove forme di disagio giovanile e la Valtiberina non sta a guardare; anzi, lavora nella prevenzione. Ne parla il dottor Marco Baldi, nuovo referente comprensoriale della Asl Toscana Sud Est: «La mancanza di lavoro e l'impossibilità di programmare una vita come si... continua >>

(08-08-2017)

RICERCHE-LAMPO GRAZIE ALLE TESTIMONIANZE

Centra l’auto in sosta e poi scappa. Rintracciato e multato un 83enne

- CITTA' DI CASTELLO - RINTRACCIATO in meno di 24 ore il conducente che aveva distrutto una vettura in sosta e poi si era dato alla fuga. Gli agenti della polizia municipale tifernate, al termine di un'indagine lampo, hanno rintracciato ieri mattina l'uomo alla guida della Fiat Panda bianca: si... continua >>

(04-08-2017)

ANGHIARI NEL MIRINO ANCHE ALTRI UNGULATI PERICOLOSI PER AUTO E MOTO. AGRICOLTORI ALL’ATTACCO

Incidenti e danni alle colture: cinghiali sotto accusa

GLI UNGULATI in Valtiberina costituiscono un vero e proprio problema: quella dell'agricoltura e quella degli automobilisti sono le categorie più penalizzate. Un fenomeno in continua ascesa con episodi che si moltiplicano di giorno in giorno e vanno ad aggravare una situazione resa già pesante dalla siccità e dal gran caldo.... continua >>

(03-08-2017)

UMBERTIDE CASO-RIFIUTI, IL SINDACO LOCCHI A CONFRONTO CON I RESIDENTI

'Calzolaro insorge, la gente non ne può piu' '

- UMBERTIDE - «E' STATO un incontro animato, la gente non ne può più. La situazione in cui versa la frazione sta creando problemi di rapporto fra le persone. Il nervosismo è grande». E' lo stesso sindaco Marco Locchi ad analizzare il clima che stanno vivendo i cittadini di Calzolaro,... continua >>

(01-08-2017)

SANSEPOLCRO L’AFFONDO DEL PARTITO DEMOCRATICO CHE PUNTA IL DITO ANCHE SUGLI SCARSI CONTROLLI IN MATERIA DI SOSTA E RIFIUTI

Vigili urbani, e' bagarre: 'Assenti alle manifestazioni notturne'

ASSENTE nella fascia notturna durante lo svolgimento delle manifestazioni estive perché l'amministrazione non ha previsto la sua presenza. Controlli ritenuti scarsi anche durante l'orario di lavoro, con il calo numerico delle sanzioni a fungere da controprova. Punta il dito sul ruolo della polizia municipale di Sansepolcro, e sulla maggioranza di... continua >>

(01-08-2017)

UMBERTIDE ATTACCO DEL CONSIGLIERE CONTI

Caso-rifiuti, proroga alla Gesenu 'Pagare di piu' per avere meno servizi... '

- UMBERTIDE - «PAGARE di più per avere meno servizi». Umbertide cambia sintetizza così il senso della proroga, la terza, fino al 31 dicembre 2017 dell'affidamento del servizio di nettezza urbana a Gesenu, deliberata dal Comune di Umbertide. «L'accordo - spiega il consigliere Stefano Conti - prevede un aumento del... continua >>

(28-07-2017)

Umbertide esposto del movimento 5 stelle

'No alla costruzione del Centro islamico Il Comune continua a restare in silenzio'

- UMBERTIDE - UN ESPOSTO all'Autorità Nazionale Anti Corruzione e pure alla Corte dei Conti. Sono stati presentanti dal Movimento 5 Stelle da tempo sulle barricate, insieme a tutte le altre opposizioni, contro la costruzione del centro islamico. NEL MIRINO dei grillini le procedure amministrative con cui si è giunti... continua >>

(26-07-2017)

Due incidenti negli ultimi giorni nel punto in cui venne investito Rossi

Viale Vittorio Veneto, allarme rosso Ancora un pedone messo sotto

E' IL SECONDO incidente avvenuto in viale Vittorio Veneto in questa settimana, e dunque ora la questione-sicurezza nel centralissimo tratto di strada diventa di primaria importanza. Mentre è ancora ricoverato all'ospedale di Perugia l'anziano di 84 anni che martedì scorso era stato travolto sulle strisce pedonali, ieri si è verificato... continua >>

(22-07-2017)

Disagi per gli utenti del trasporto pubblico. Cittadini in Comune

Orari ridotti e poche informazioni L'attivita' estiva dei bus fa infuriare

- CITTA' DI CASTELLO - ORARI pomeridiani ridotti, scarsa comunicazione sulla variazione delle corse e difficoltà nel reperire i biglietti. Disagi per gli utenti degli autobus, sia quelli cittadini che quelli extraurbani. Una situazione già difficile che da lunedì, 17 luglio, è andata peggiorando, tanto che ieri mattina una delegazione di... continua >>

(22-07-2017)

Che Tempo Fara'

Sansepolcro Tempo Min Max
lunedì 13 25
martedì 13 26
mercoledì 13 30