NOTIZIE LOCALI

Altre di Cronaca Il giovane albanese confessa. Intanto le indagini vanno avanti

Ho sparato per un debito di droga Ma erano in otto, volevano pestarci

LA CONFESSIONE, almeno parziale, arriva subito. Il 24enne albanese indagato a piede libero per lesioni e porto abusivo d'arma da fuoco, rintracciato dopo il regolamento di conti in via Alfonsine a Umbertide, a pochi passi dal parco Ranieri, ammette di essere l'autore degli spari che hanno gambizzato un connazionale di 36 anni. Adesso, difeso dal suo avvocato di fiducia, Omar Khmayes, spiega di aver vissuto per mesi un incubo fatto di minacce, estorsioni e pestaggi, prima dell'aggressione del Sabato Santo per un modesto debito di droga di poche centinaia di euro che lui aveva nei confronti del gruppo di cui faceva parte il 36enne ferito.
E' UNA VICENDA ancora tutta da scrivere quella sfociata nella gambizzazione dell'albanese ricoverato in ospedale a Città di Castello dopo essere stato raggiunto da due colpi di arma da fuoco al ginocchio e ad un piede. Una vicenda che coinvolge traffici di droga all'ombra di clan stranieri. Il 24enne, un metalmeccanico incensurato con un problema di assunzione di cocaina, tanto da aver tentato la strada del Sert, è stato interrogato lunedì dal pubblico ministero Michele Adragna che coordina le indagini del commissariato di Città di Castello e della squadra mobile di Perugia, ribaltando l'intera storia. Ha spiegato agli inquirenti di essere finito nel giro della droga e di aver maturato, nel tempo, debiti con il gruppo di cui faceva parte il connazionale ferito. All'appuntamento con gli spacciatori andò insieme allo zio e ad un cugino, per paura. Il gruppo si presentò invece con due auto: otto-nove persone in tutto che avrebbero cominciato a pestare i parenti. Lui si procurò una pistola, proprio per andare all'ennesimo incontro chiarificatore sapendo che rischiava di essere picchiato. Sospettava che i connazionali volessero vendicarsi. E sparò - questa la sua versione - solo quando venne aggredito. Tre colpi in aria, due contro il fratello dell'albanese che ha indicato come il ‘capo'. Il resto è la fuga, la pistola, una semiautomatica che viene gettata nel Tevere. Ai poliziotti ha indicato il punto esatto ma, finora, le ricerche hanno dato esito negativo. Una versione su cui sono in corso le indagini per capire se il 24enne abbia raccontato tutto, oppure se dietro al violento confronto che ha scosso Umbertide ci sia anche dell'altro.
Erika Pontini
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 19-04-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre di Cronaca

Umbertide non si placano le polemiche dopo la rissa tra immigrati

Monni: 'L'imam faccia chiarezza'

- UMBERTIDE - CONTINUA a far discutere la rissa tra immigrati che ha coinvolto, tra gli altri, l'imam locale Chafiq El Oquayly, il trentasettenne Abdelassam Azza, ancora ricoverato in ospedale. Giovanna Monni (nella foto) del centrodestra parla di fatti gravissimi e invita l'imam, nel suo stesso interesse, a fare assoluta chiarezza,... continua >>

(24-06-2017)

Umbertide sentiti dai carabinieri l'imam, alcuni testimoni e due politici locali

Rissa alla moschea, scattano gli interrogatori

- UMBERTIDE - GIORNATE di interrogatori per far chiarezza sulla rissa che ha coinvolto l'imam Chafiq El Oqayly e Abdelassam Azza, marocchino di 37 anni (ora in ospedale con 30 giorni di prognosi), ma anche altre persone, di cui i carabinieri, del Nucleo operativo di Perugia, intendono ricostruire identità e responsabilità.... continua >>

(22-06-2017)

Sansepolcro quest'anno gia' operativi a giugno, vista l'ondata di caldo

Il gruppo della protezione civile contro gli incendi. Task-force di trenta persone operativa 24 ore

FINO ALLO SCORSO anno si cominciava il primo luglio, ma stavolta il caldo torrido ha imposto di anticipare il periodo della massima allerta in relazione agli incendi boschivi in Valtiberina Toscana. Che peraltro si sono già verificati in un paio di circostanze, anche se hanno interessato superfici non vaste. «L'andamento... continua >>

(22-06-2017)

Festa della mattonata botta e risposta con la lav

'Ma quali maltrattamenti sull’oca... Si sta perdendo il senso della misura'

- CITTA' DI CASTELLO - E' UN BILANCIO più che positivo quello stilato dalla società rionale Mattonata a margine della tre giorni estiva, ma c'è anche un pizzico di amarezza per la polemica innescata dalla Lav sull'uso dell'oca nella festa. LA LEGA Antivivisezione di Perugia infatti aveva criticato la presenza dell'animale... continua >>

(21-06-2017)

E' RIMASTO in fondo a un dirupo da solo per quasi quattro ore

Cade nel dirupo Mobilitazione per salvare un anziano

E' RIMASTO in fondo a un dirupo da solo per quasi quattro ore, in pratica per tutta la mattinata di ieri. Fino a quando non è stato notato da un'altra persona. Una brutta avventura a lieto fine (seppure con una piccola conseguenza) per un 75enne residente ad Arezzo, ma -... continua >>

(21-06-2017)

STAVO andando allo stadio per una manifestazione sportiva. Mi sono trovato la strada sbarrata da un gruppo di immigrati

Cittadini intimoriti: 'Un problema che spaventa'

- UMBERTIDE - «STAVO andando allo stadio per una manifestazione sportiva. Mi sono trovato la strada sbarrata da un gruppo di immigrati che davanti alla moschea si stavano picchiando. Sentivo il rumore degli schiaffi e dei pugni. Spaventato, sono andato via». E' la testimonianza di un 55enne umbertidese, tra i primi... continua >>

(20-06-2017)

Il libro ricco corredo fotografico

La storia della Badia di Petroia. Un racconto del professor Grilli

- CITTA' DI CASTELLO - DA DOMENICA l'abbazia di Badia Petroia ha una nuova storia ufficiale: è quella scritta dal tifernate Francesco Grilli, professore di storia dell'arte in pensione in un volume, corredato da un ricco apparato fotografico e introdotto dal ministro alla cultura Dario Franceschini. LA PRESENTAZIONE si è svolta... continua >>

(20-06-2017)

Furto in gioielleria, il giovane torna in liberta'

Un ladro di buona famiglia ' Scusate, non lo faccio piu' '

- UMBERTIDE - «SCUSATE, non so cosa mi sia preso, non l'ho mai fatto e non lo farò mai più». Parola più parola meno, è questo quello che il 25enne di Perugia ha detto ieri mattina al giudice Marco Verola davanti a cui è comparso dopo essere stato arrestato sabato dai... continua >>

(13-06-2017)

Dramma in piscina, ragazzino finisce al Meyer

Sansepolcro si getta nella parte piu' bassa della vasca procurandosi la frattura di una vertebra

UNO SCHERZO innocente a bordo vasca, con un tuffo che però gli è costato la frattura della settima vertebra cervicale. È successo intorno alle 11,30 di ieri mattina alle Piscine di Sansepolcro e a finire al Meyer di Firenze è stato un 14enne di Bibbiena che era venuto a trovare... continua >>

(12-06-2017)

Il blitz Indagine della guardia di Finanza di Rimini

Maxi-evasione da ottanta milioni. Denunciato anche un tifernate di 63 anni

- CITTA' DI CASTELLO - OLTRE 80 milioni di euro evasi da 15 imprese dell'e-commerce, risultate fantasma per il fisco, scoperti dalla Guardia di Finanza di Rimini nell'operazione Mercurio web, che ha disarticolato un'associazione per delinquere con reati di frode fiscale internazionale nel settore del commercio online di apparati elettronici. Tra... continua >>

(09-06-2017)

Che Tempo Fara'

Sansepolcro Tempo Min Max
giovedì 15 25
venerdì 13 21
sabato 13 23