NOTIZIE LOCALI

Altre notizie Positivo incontro a Firenze. Un investimento di quattro milioni

Secondo ponte sul Tevere piu' vicino Si' della Regione, ora l'ok di giunta

di CLAUDIO ROSELLI - SANSEPOLCRO -

SECONDO PONTE sul Tevere a Sansepolcro: terminato l'iter burocratico-amministrativo, inizia ora quello procedurale. Nella giornata di martedì scorso, l'assessore biturgense ai lavori pubblici, Riccardo Marzi e il nuovo responsabile di settore del Comune di Sansepolcro, l'architetto Gilda Rosati, si sono recati a Firenze per l'incontro con i funzionari della Regione Toscana finalizzato a definire il cronoprogramma dei lavori. «I dettagli dell'opera sono stati condivisi assieme ai responsabili della Regione - ha detto l'assessore Marzi - e ora si procederà con l'ok in giunta del progetto esecutivo. Si tratta dell'ultimo passaggio di ordine tecnico-burocratico e dopo l'approvazione partiremo con i bandi di gara, che sono due: uno per la direzione dei lavori e uno per i lavori stessi». In altre parole, per quando è previsto l'inizio dei lavori? «Fra un paio di mesi, sapremo quando il cantiere sarà in grado di prendere il via, ma crediamo che la posa della prima pietra avverrà entro l'estate del 2018. Nella riunione di Firenze era assente per impegni istituzionali l'assessore alle infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, che intendo ringraziare per la vicinanza dimostrata all'amministrazione - sia la nostra che quella passata - e per l'attenzione prestata». Il plastico del secondo ponte, presentato diversi mesi addietro, prevede la sua costruzione sul prolungamento di via dei Banchetti e l'attraversamento del Tevere con una curva che possa permettere il congiungimento con via Malpasso, direttrice della zona industriale Alto Tevere-Santafiora; in parallelo, vi è lo scorrimento della pista ciclabile. IL COSTO COMPLESSIVO dell'intervento ammonta a 4 milioni di euro, dei quali 3 e 200mila garantiti dalla Regione e gli altri 800mila a carico della municipalità di Sansepolcro. Uno stanziamento consistente, che però non è sufficiente per completare al 100% i lavori; o meglio, per completare la viabilità di collegamento: la copertura economica si ferma all'intersezione fra via dei Banchetti e il ponte della E45: ci sono ancora poche centinaia di metri di strada da allargare. «Con la gestione dei ribassi d'asta e con le economie dell'ente contiamo di reperire le risorse mancanti - ha aggiunto l'assessore Marzi - e sono sicuro che le troveremo: non dimentichiamo che ci troviamo davanti alla più grande opera pubblica nella storia di Sansepolcro e soprattutto alla più attesa dalla nostra comunità. la sua necessità». La costruzione dell'opera tuttavia si avvicina, manca soltanto l'ok della giunta comunale al progetto.
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

 

Inserita il : 12-10-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre notizie

Sansepolcro, cosi' Carlo Masala: Rischiamo di inquinare i campi

Montedoglio, bagarre piano irriguo Gli agricoltori: un’area abbandonata

di CLAUDIO ROSELLI LE PIOGGE degli ultimi mesi (e non solo) hanno riassestato la situazione in Valtiberina dopo il gran secco dell'estate 2017. Bene Montedoglio, ma non per chi, in zona, all'invaso non è collegato. Procediamo con ordine. I dati pubblicati sul sito www.sangiustinometeo.altervista.org, curato da Mirco Mori, un giovane... continua >>

(22-02-2018)

Nardi, deciso lo sciopero a oltranza Il manager: ‘Politici rimasti a guardare’

SAN GIUSTINO MARTEDI' INCONTRO IN REGIONE CON LA NUOVA PROPRIETA'

- SAN GIUSTINO - L'ASSEMBLEA dei lavoratori della Nardi, riunita ieri mattina in azienda insieme ai sindacati, ha stabilito il proseguo dello sciopero e il presidio dei cancelli, a oltranza, o almeno fino a che la situazione non si sbloccherà. Da lunedì inizia dunque la quarta settimana di proteste. Sul... continua >>

(27-01-2018)

Che Tempo Fara'