NOTIZIE LOCALI

Cronaca Morto a 18 anni, arresto convalidato per il pusher

SANSEPOLCRO L'ALBANESE RESTA IN CARCERE A PERUGIA. E IN CITTA' TORNA L'ALLARME-DROGA

LA NOVITÀ di ieri, relativamente al caso della morte di Elias Ghouiza, riguarda il pusher: è stato infatti convalidato l'arresto del 21enne albanese senza fissa dimora, F.R., dal quale il 18enne residente a Sansepolcro ha acquistato la dose di cocaina nella giornata di giovedì 5 ottobre, recandosi a Umbertide, dove lo spacciatore gravitava abitualmente con la sua illecita attività. L'albanese, che al momento è ritenuto il presunto responsabile del decesso di Elias, rimane quindi rinchiuso nel carcere di Capanne a Perugia, a disposizione dell'autorità giudiziaria. Dopo gli esami autoptici eseguiti ad Arezzo e a Siena, dai quali è attesa la risposta sulla possibile overdose che può avergli stroncato l'esistenza, la salma del giovane è stata restituita ai familiari e ha fatto ritorno all'obitorio dell'Ospedale della Valtiberina; con ogni probabilità, quella di oggi dovrebbe l'ultima mattinata di permanenza di Elias in una Sansepolcro nella quale era nato e dove ha fatto appena in tempo a raggiungere la maggiore età. La ditta bolognese di onoranze funebri, che gestisce i trasferimenti con il Marocco, procederà con il trasferimento e sarà questo il momento del triste commiato da una realtà che lo aveva accolto con affetto, come dimostrano le iniziative di amici ed ex compagni di scuola e anche la veglia dell'altra sera al Sacro Cuore, dove il Vangelo si è alternato con il Corano. LA TRAGEDIA di una settimana fa rimette il dito sulla classica piaga sulla presenza del fenomeno, anche se la città biturgense è soprattutto luogo di assuntori - quindi di consumo e non di spaccio - delle sostanze stupefacenti; i giovani del posto raggiungono il versante umbro fino a Perugia per rifornirsi di «roba», ma l'allarmismo è salito, come evidenzia il locale Partito democratico in una nota su questo esempio di fragilità giovanile. Il Pd prende come esempi Elias e Sara Smahi (il fatto risale allo scorso marzo), ma ricordiamo che in zona vi sono altre due morti sulle quali aleggia seriamente il sospetto della droga. «Queste due disgrazie non possono essere derubricate come problemi che attengono alla sicurezza e trattate solo con gli strumenti propri alle forze dell'ordine - si legge - perché denunciano una marginalità sociale forte sulla quale come cittadini, prima di tutto, dobbiamo aprire gli occhi e capire come intervenire a livello di comunità. Non possiamo voltarci dall'altra parte pensando che questi fatti non ci interroghino perché capitano in luoghi che non conosciamo e a famiglie che non sono originarie del nostro territorio, dobbiamo comprendere come il livello di tenuta sociale della nostra città passa da qui, dal farsi carico di chi è più debole e rischia di rimanere isolato». C.R.
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 13-10-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Cronaca

Respinta l’istanza di fallimento. La Cgil segue da vicino la vicenda

Ex dipendenti Boninsegni, che beffa Pagheranno pure le spese processuali

di CLAUDIO ROSELLI RIMANERE senza lavoro, con il rischio di non riscuotere quanto dovuto e ora anche con le spese processuali a carico. È la sorte degli ex dipendenti della ditta Boninsegni di Sansepolcro, concessionaria Fiat, Alfa Romeo e Lancia (con sedi anche ad Arezzo e a Città di Castello) che... continua >>

(07-12-2017)

Tre ospedali premiati con i bollini rosa

A misura di donna

- CITTA' DI CASTELLO - TRE GLI OSPEDALI in rosa della Usl Umbria 1 che ieri a Roma hanno ricevuto da Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna, il riconoscimento dei bollini rosa, valido per il biennio 2018-2019, per l'offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali... continua >>

(06-12-2017)

Salvata in extremis da due carabinieri eroi

Perdo il lavoro, mi uccido

di CLAUDIO ROSELLI LA PAURA di essere licenziata e di perdere quindi il posto di lavoro. Così aveva scritto nella lettera che avrebbe dovuto spiegare il suo disperato gesto. È stata quindi con ogni probabilità questa la molla che ha fatto scattare il proposito suicida nella mente di una di una... continua >>

(06-12-2017)

Mai arrendersi alla malattia. Il ricavato finanziera' la ricerca

La grinta di Silvana in un calendario Dodici mesi per sorridere alla vita

- CITTA' DI CASTELLO - «IL CANCRO mi ha messo paura solo una volta, poi ho deciso di combatterlo, sempre col sorriso», dice Silvana Benigno, 48 anni, che ha realizzato un calendario per finanziare la ricerca contro una malattia che combatte da due anni con tutta la forza che ha. Silvana,... continua >>

(05-12-2017)

Addio alla nonna-record della vallata Aveva da poco compiuto 107 anni

SANSEPOLCRO FATALE UN MALORE IMPROVVISO

SE N'È ANDATA Leonora Palazzeschi, la «nonna» per eccellenza di Sansepolcro e della Valtiberina Toscana, in quanto era la residente più anziana in assoluto dell'intero comprensorio; l'ultimo invidiabile traguardo anagrafico lo aveva tagliato poco più di 40 giorni fa, quando era arrivata a festeggiare la bella età di 107 anni,... continua >>

(04-12-2017)

E' stato fotografato ieri sera attorno alle 20 da numerosi passanti

Cinghiali ‘a spasso’ vicino alla pizzeria E il web impazzisce

UN CINGHIALE è stato fotografato ieri sera attorno alle 20 da numerosi passanti in località Cerbara di Città di Castello lungo la strada «Tiberina 3 bis». L'animale si aggirava nei pressi di una pizzeria che si trova proprio lungo la strada e la foto postata nei social ha fatto il... continua >>

(01-12-2017)

La tragedia del ‘Cocoricò’ dove perse la vita il giovane tifernate

Fu lui a vendere la droga a Lamberto Ora patteggia due anni e mezzo

- CITTA' DI CASTELLO - DUE ANNI E MEZZO di reclusione. E' questa la pena a cui è stato condannato il ventiduenne di Città di Castello colpevole di aver venduto la dose di ecstasy che all'alba del 19 luglio del 2015 uccise il giovanissimo Lamberto Lucaccioni dopo una nottata passata... continua >>

(01-12-2017)

Dammi i soldi, tensione e urla al centro di accoglienza

CAPRESE MICHELANGELO PROTAGONISTA UNA COPPIA NIGERIANA, LETTERA AL PREFETTO

- CAPRESE MICHELANGELO - ACQUE AGITATE nei giorni scorsi al centro di accoglienza per stranieri di Zenzano a Caprese Michelangelo. Protagonista dell'episodio, una coppia di nigeriani (34anni lui, 32 lei) che sono ospitati da un anno e che attendono il riconoscimento di richiedenti asilo. Alla riunione per la consegna dei «pocket... continua >>

(01-12-2017)

L'uomo, 31 anni, trasferito a Siena col Pegaso in codice rosso

Volo di sette metri giu' dal tetto Anghiari, grave un operaio

di CLAUDIO ROSELLI - ANGHIARI - UN GIOVANE operaio di 31 anni, residente ad Anghiari, è ricoverato in prognosi riservata all'ospedale delle Scotte di Siena dopo essere caduto dal tetto dell'azienda nella quale lavora, una falegnameria con sede nella frazione di San Leo. Erano le 11 circa quando l'uomo è salito... continua >>

(01-12-2017)

Oggi l’autopsia sull'imprenditore morto dopo una caduta

LUTTO CORDOGLIO IN CITTA’ PER IL TRAGICO INCIDENTE A FRANCO MOLINARI

- CITTA' DI CASTELLO - E' ANCORA sotto sequestro la salma di Franco Molinari (nella foto), il cinquantasettenne agricoltore residente a Badiali deceduto nella notte tra venerdì e sabato a seguito di una tragica caduta da oltre tre metri d'altezza. L'autopsia non è ancora stata eseguita ed è fissata nel tardo... continua >>

(29-11-2017)

Che Tempo Fara'