NOTIZIE LOCALI

Cronaca AREZZO - La madre sviene per il dolore. Il racconto di un giovanissimo soccorritore: «Cosi' l'ho tirato su dall'acqua»

Bimbo annegato, lo strazio del padre: «Lo credevo al sicuro»

«PENSAVO fosse al sicuro». Si lascia scappare pochissime parole prima di affogare nel suo dolore il padre del piccolo Stefan, 10 anni da compiere fra un mese. «Era vivace, vivacissimo, e faceva il tifo per la Juve». Mihai, Michele in italiano, è qui con la tenuta da lavoro, sconvolto dall'aver appena visto il corpo del suo unico figlio disteso sul bordo della piscina grande del Crocodile. La tragedia si è consumata da poco più di un'ora e mezzo, a bordo vasca da tempo c'è la madre, avvertita subito della situazione. Il suo è uno strazio tenuto dentro, che non dà a vedere. Ma poco crolla, si sente male. Sviene, cade a terra e la trasportano all'ospedale San Donato.
Stefan Tironiac, 10 anni da compiere ad agosto è morto annegato al «Crocodile» l'acquaparco di Marciano della Chiana a due passi dal casello Monte San Savino. Sono le 10.30 circa quando si consuma un incidente tremendo e assurdo. Il bimbo di origine romena arrivato a Monte San Savino dopo la nascita, era in acqua, quando a un certo punto lo hanno visto riverso sul fondo. Gli amici hanno chiesto aiuto un altro bambino si è tuffato, andando a colpire, sembra testa contro testa, Stefan, che ha perso i sensi ed è annegato. Gli accompganatori si sono precipitati insieme al bagnino ma non c'era tempo: secondo il referto medico del 118, l'acqua aveva già invaso i polmoni del piccolo, che, trasportato a bordo vasca, è morto. Stefan Tironiac, come gli altri bambini, stava partecipando a un corso estivo comunale gestito dal circolo Baobab. Immediatamente un ragazzo più grande che era in piscina lo ha sollevato e gli istruttori del corso lo hanno portato fuori, dove una dottoressa che era fuori servizio ha tentato ogni manovra rianimatoria ma senza esito. Quando sono arrivati i soccorritori del 118 non c'era più nulla da fare. Sul posto oltre alla madre di Stefan, casalinga, è arrivato anche il padre, un operaio saldatore da nove anni in Italia. Il piccolo era figlio unico.
SI CHIAMA Leonardo il ragazzo di 14 anni che per primo si è immerso a recuperare il corpo del bambino che non si muoveva più in acqua. E' con il costume e parla in mezzo a un gruppo di coetanei. Ha sentito le grida di aiuto e si è accorto che indicavano accanto a lui: «Ma quando l'ho tirato su - lo dice con la timidezza dell'adolescenza - mi sono accorto che aveva gli occhi sbarrati».
Ma anche Leonardo, come molti altri, non ha visto quello che è successo qualche istante prima: perché Stefan ha perso i sensi ed è finito giù. La piscina era piena tra schiamazzi, schizzi e voglia di divertirsi. Non è ancora chiaro se il ragazzo con cui si è scontrato facesse parte o no della comitiva dei campi solari. Qualcuno giura che c'è stato un doppio tuffo, finito con uno scontro fortuito, forse fa le teste, ma gli inquirenti, su questo, sono ancora cauti. C'è da attendere l'esame dell'autopsia che si dovrebbe svolgere nei prossimi giorni con l'emissione degli avvisi di garanzia per chi doveva vigilare. Era il primo giorno della scuola di nuoto e proprio gli insegnanti, per un disguido, non si erano presentati. Per questo gli accompagnatori di Baobab avevano diviso il gruppo in due tra chi sapeva e non sapeva nuotare. Ma la mattinata di piscina libera si è trasformata in una tragedia intollerabile.
federico.dascoli@lanazione.net

Notizia tratta da La Nazione

 

Inserita il : 02-07-2010 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Cronaca

DOPPIA INCHIESTA

Soldi e lotti: acquisiti i documenti in Comune

di ERIKA PONTINI e FRANCESCA MARRUCO - PERUGIA - DA UNA PARTE il flusso di finanziamenti per costruire la moschea di Umbertide; dall'altra l'iter amministrativo per la vendita dei terreni comunali e la variante al Piano regolatore con il permesso a costruire una struttura da 650 metri quadrati: sono due... continua >>

(24-11-2017)

La Usl rassicura i cittadini. Famiglie sul piede di guerra

Scabbia a scuola, lettera ai genitori Basso rischio ma controllate i figli

CITTA' DI CASTELLO - UN CASO di scabbia è stato registrato in una scuola della città. L'infezione della pelle causata da un acaro è stata segnalata in una classe dell'elementare di San Pio X. Subito la Usl Umbria 1, con la responsabile del servizio di igiene e sanità pubblica, e... continua >>

(23-11-2017)

Addio Oriano

E' morto a 61 anni il presidente dell'Unitab

- CITTA' DI CASTELLO - ORIANO GIOGLIO per la tabacchicoltura era un punto di riferimento storico, un padre di tante battaglie e, per questo, è stato protagonista dello sviluppo economico dell'Umbria. Uomo dai modi garbati, si è mossa per una vita intera ai vertici delle maggiori organizzazioni nazionali ed europee... continua >>

(23-11-2017)

Assolti due imprenditori tifernati

IL PROCESSO ERANO ACCUSATI DI AGGRESSIONE

- CITTA' DI CASTELLO - ERANO accusati di essere i mandanti di un'aggressione, ma sono stati assolti per non aver commesso il fatto. Si tratta di due imprenditori di Città di Castello (Sandro Pauselli e la moglie, Alida Cecconi), accusati di essere i mandanti di un episodio avvenuto a maggio... continua >>

(22-11-2017)

Delitto di Katia, l’assassino fa ricorso in appello

SANSEPOLCRO I LEGALI DI PITER POLVERINI PUNTANO AD OTTENERE UNO SCONTO DI PENA

FA APPELLO contro la sentenza di primo grado Piter Polverini, l'uomo che nella notte tra l'11 e il 12 luglio dello scorso anno uccise Katia Dell'Omarino. In primo grado i giudici avevano inflitto all'uomo una condanna a 16 anni, il massimo possibile con il rito abbreviato. Ma contro quella sentenza... continua >>

(22-11-2017)

Benedetta Rossi tredicesima tra le italiane: Un sogno che si avvera

La maratona come regalo di laurea Neodottoressa incanta New York

- CITTA' DI CASTELLO - QUEL PETTORALE, il numero 15.215 della Maratona di New York, è arrivato come regalo per il raggiungimento della laurea. Così la tifernate Benedetta Rossi ha coronato il sogno di tutti i maratoneti, correre la maratona più famosa del mondo. Un desiderio che si avvera a... continua >>

(21-11-2017)

In aumento gli accessi al Pronto soccorso Presto una nuova unita' mobile

UMBERTIDE IL PD: ‘MA SERVE PIU’ PERSONALE’

- UMBERTIDE - SONO NUMERI importanti quelli dell'ospedale di Umbertide, diffusi dal direttore ngenerale della Asl 1 Andrea Casciari. Il pronto soccorso ha visto 13.829 accessi (+561 rispetto al 2016 +1.037 rispetto al 2015), mentre gli interventi di chirurgia ambulatoriale segnano un +124. Funziona il modello... continua >>

(21-11-2017)

Stadio inagibile: ma finalmente partono i lavori

SANSEPOLCRO IN SETTIMANA L’INTERVENTO, IL RITORNO AL 'BUITONI' FORSE IL 14 GENNAIO

PRENDERANNO IL VIA nel corso di questa settimana i lavori di riqualificazione dello stadio Buitoni di Sansepolcro, con la speranza che le condizioni atmosferiche non siano tali da far slittare i tempi oltre l'obiettivo prefissato dall'amministrazione comunale. «Il Sansepolcro giocherà un'altra partita a Città di Castello, quella del 10 dicembre... continua >>

(20-11-2017)

Aveva illuso una ragazza e si era fatta consegnare soldi dalla famiglia

Ti faccio assumere in Comune Donna condannata a 14 mesi

di FRANCESCA MARRUCO - CITTA' DI CASTELLO -UN ANNO e due mesi con pena sospesa e parti civili escluse. E' finito con un patteggiamento il processo ad una 47enne di Umbertide che aveva fatto credere ad una ragazza che le avrebbe fatto ottenere un posto come archivista in Comune. Inoltre... continua >>

(17-11-2017)

Ladri in azione, svaligiati due appartamenti

SANSEPOLCRO SVENTATI ALTRI DUE COLPI, TORNA L’APPRENSIONE TRA LA POPOLAZIONE

DUE FURTI sventati domenica scorsa, ma anche due messi a segno nel corso della settimana. Con il buio già calato, i ladri hanno colpito a inizio settimana in un paio di appartamenti a Sansepolcro e anche l'ammontare del bottino trafugato sembra avere una certa consistenza. Il primo di questi appartamenti... continua >>

(17-11-2017)

Che Tempo Fara'