NOTIZIE LOCALI

Economia Già consistenti i risultati in termini di risparmio di risorse e di contributo fornito all'ambiente

Primi 100 giorni per la "casa dell'acqua" a Sansepolcro: 121000 litri erogati e 30 chilometri in meno di bottiglie di plastica prodotte

Un totale di 121000 litri erogati e di qualcosa come 30 chilometri di bottiglie di plastica in meno prodotte: sono i numeri più significativi che emergono nello stilare il bilancio dei primi 100 giorni di funzionamento della ?casa dell?acqua? (nella foto), il distributore posizionato in largo Porta del Ponte a Sansepolcro e installato dalla Emme Esterni, ditta il cui titolare è il giovane imprenditore biturgense Andrea Marinelli e concessionaria per Toscana e Umbria della Progetto Sorgente, azienda leader nella distribuzione dell?acqua. L?impianto di Sansepolcro è stato il 28esimo della serie a essere insediato e l?idea dell?allora assessore comunale all?Ambiente, Luigi Boncompagni, si è rivelata azzeccata in pieno, perché i risultati ottenuti vanno in direzione dell?obiettivo auspicato. Anzi, sono persino migliori di quanto auspicato, come del resto le lunghe code di persone stanno a dimostrare. In base al dato totale riportato in apertura, la media giornaliera è quindi di 1210 litri prelevati (ricordiamo che il costo al litro per l?utenza è di 5 centesimi di euro), ma il responso più evidente - del quale si parla a più riprese in occasione delle fiere di settore ? è costituito dai benefici apportati all?ambiente. Pensiamo dunque di stendere per terra nella loro altezza di 35 centimetri (tanto misurano le confezioni da un litro) le bottiglie in plastica che contengono acqua: la lunghezza totale di 30 chilometri ? dato in assoluto più eclatante - indica il significativo contributo che la ?casa dell?acqua? di Porta del Ponte ha dato, tanta è la quota di produzione in meno di queste bottiglie, con un?automatica minore produzione di rifiuti e anche un minore inquinamento, perché il pet consuma petrolio. Ebbene, se poi la mettiamo in questi termini emerge che sono state risparmiate 20 tonnellate di petrolio e 5.4 tonnellate di anidride carbonica Co2; inoltre, gli autotreni Tir hanno effettuato 8 viaggi in meno per il trasporto delle casse di acqua. Rivestita con acciaio zincato lavabile, la ?casa dell?acqua? di Sansepolcro ha una filtrazione spinta a 5 micron e dispone di un impianto di raffreddamento e di un gasatore. La struttura, che dispone ovviamente di autorizzazione ministeriale, è certificata Iso 22000 ed è in funzione dallo scorso 11 maggio. La Emme Esterni ne ha collocata di recente un?altra anche a Laterina e, sempre per quanto riguarda Sansepolcro, c?è l?intenzione di installarne una seconda, visto il successo ottenuto? ?Considerando che in media vi è una ?casa? ogni 5000 abitanti ? spiega Andrea Marinelli ? l?ottimale per Sansepolcro sarebbe quindi di 3, però credo che ancora sia presto per un salto del genere. E? invece percorribile la strada di un secondo distributore, se non altro perché intanto snellirebbe di sicuro le file piuttosto lunghe che vengono molto spesso a crearsi. A quel punto, la verifica sarebbe più veritiera. Il risparmio di risorse e di costi, con assieme la minor produzione di rifiuti, rimarrebbe comunque una certezza?.
(notizia tratta da www.saturnonotizie.it)

Inserita il : 25-08-2011 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Economia

Bilancio comunale, il Pd va all'attacco

SANSEPOLCRO FRULLANI: RISORSE OK, MANCA VOLONTA' DI INVESTIRE

SONO STATE votate le variazioni al bilancio 2017 del Comune di Sansepolcro nel corso dell'ultima seduta consiliare: l'esito vede il «sì» della maggioranza e il «no» di Pd-InComune, Lega Nord e Forza Italia. «Una variazione perfettamente coerente con la mancanza di visione del bilancio, formalmente ineccepibile ed eccessivamente prudenziale... continua >>

(24-11-2017)

Che Tempo Fara'