NOTIZIE LOCALI

Altre di Cronaca Sansepolcro: giornata campale quella di ieri. Arrivano i 'rinforzi'

Influenza, decine di casi in poche ore La Guardia medica alla fine va in tilt

di CLAUDIO ROSELLI  
L'INFLUENZA colpisce duro proprio sotto le feste, almeno in Valtiberina e alla fine manda in tilt la guardia medica. Se poi ci mettiamo di mezzo pure la ricorrenza del patrono, l'ingolfamento è servito, anche se poi nel pomeriggio l'impasse è stato superato in breve tempo.
Dunque, una giornata campale, quella di ieri, per Sansepolcro e per il comprensorio più orientale dell'Aretino; il picco del male di stagione, con la febbre spesso elevata ed altre conseguenze, è andato a combinarsi con le date del Natale e di Santo Stefano e con la successiva ricorrenza di San Giovanni Evangelista, patrono della città biturgense, che cade il 27 dicembre. A parte il commercio, proprio perché tre giornate consecutive di chiusura non sono previste, per le altre categorie si è trattato di un'appendice della parentesi festiva. Non essendovi quindi medici a Sansepolcro, è successo che il call center della continuità assistenziale (denominazione attuale con la quale si indica di fatto la guardia medica) ha ricevuto una quantità inaudita di richieste da parte degli utenti di vallata a causa di questa ondata di influenza. Dalle 8 circa della mattinata di ieri fino alle 13,30, ora nella quale ci siamo messi in contatto con l'operatore, sono state un centinaio le telefonate pervenute (96 per l'esattezza) e a quel momento ne rimanevano in carico ancora una trentina, senza contare quelle pervenute nel prosieguo della giornata; assieme al medico che si occupa dei due Comuni di Badia Tedalda e Sestino, erano in servizio le due dottoresse incaricate di coprire la zona di fondovalle, che correvano letteralmente in ogni punto del territorio.
«MENTRE LEI sta parlando con me - ha risposto con estrema cortesia l'operatore della continuità assistenziale - abbiamo una dottoressa a Fragaiolo di Caprese Michelangelo e l'altra a Monterchi». Nel primo pomeriggio, poi, è stato il dottor Evaristo Giglio, responsabile del distretto di zona della Valtiberina, a reperire il terzo medico (un'altra donna, proveniente da San Giustino Valdarno) e a quel punto - con tre professioniste più il quarto sul versante montano - il carico accumulato è stato progressivamente smaltito fino ad annullarsi intorno alle 17. «Debbo davvero ringraziare di cuore i medici in servizio - ha detto il dottor Giglio - perché non si sono fermati un solo istante. D'altronde, ci siamo trovati davanti a una vera e propria emergenza, che con gli effettivi a disposizione non eravamo in grado di fronteggiare nei tempi dovuti. Mi sono attaccato al telefono e alla fine, dopo vari tentativi, sono riuscito a trovare la persona che ci ha permesso di farlo.
Ovviamente, si è trattato di un caso eccezionale».
notizie tratte da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 28-12-2016 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre di Cronaca

Sulla E45

Cabina del tir distrutta dalle fiamme Paura e disagi

E' RIUSCITO a fermare il tir in una piazzola di sosta prima che la cabina fosse completamente distrutta dalle fiamme. Paura questa mattina lungo la E45 fra Pierantonio e Umbertide in direzione di Cesena. Un rogo ha interessato un mezzo pesante, che trasportava sanitari. L'autista, appena ha capito cosa stava... continua >>

(27-04-2017)

Sicurezza, utilizziamo la Municipale

UMBERTIDE IL CONSIGLIERE GALMACCI DOPO GLI SPARI DELLA NOTTE DI PASQUA

«LA SITUAZIONE è veramente grave come d'altronde avevo più volte denunciato, finora però ben poco è stato fatto in tema di prevenzione. L'allora sindaco Giampiero Giulietti tergiversava sull'installazione di telecamere di videosorveglianza; il sindaco attuale Locchi invece, non si è ancora deciso a dotare i vigili urbani di armi previste... continua >>

(21-04-2017)

Interviene Burzigotti (Anmil): Non siamo piu' un'isola felice

Spari, Giulietti fa appello al ministro. 'A Umbertide servono piu' controlli'

UN'INTERROGAZIONE al ministro dell'interno Marco Minniti. L'ha presentata l'onorevole Giampiero Giulietti dopo la sparatoria della notte di Pasqua. «Un fatto - dice il deputato umbertidese - che testimonia una escalation di violenza della criminalità locale che fino ad oggi la nostra città non aveva conosciuto». E mentre la violenza che... continua >>

(20-04-2017)

Il giovane albanese confessa. Intanto le indagini vanno avanti

Ho sparato per un debito di droga Ma erano in otto, volevano pestarci

LA CONFESSIONE, almeno parziale, arriva subito. Il 24enne albanese indagato a piede libero per lesioni e porto abusivo d'arma da fuoco, rintracciato dopo il regolamento di conti in via Alfonsine a Umbertide, a pochi passi dal parco Ranieri, ammette di essere l'autore degli spari che hanno gambizzato un connazionale di... continua >>

(19-04-2017)

Raffica di colpi di pistola tra albanesi. Appello del sindaco al prefetto

Gambizzato nella notte di Pasqua La gente di Umbertide ha paura

«ERO sul piazzale della chiesa per la cerimonia del fuoco che precede la veglia di Pasqua. Intorno alle 22.30 ho sentito alcuni ‘botti'. Mi ha colpito la successione, prima un colpo poi altri 3 o 4 rapidissimi, che non è propria dei petardi. Ho pensato per un attimo fossero dei... continua >>

(18-04-2017)

Sessanta giorni di tempo per completare il lavoro: il pool di esperti

Katia, affidate le perizie su Piter. Sentenza a un anno esatto dal delitto

di FABRIZIO PALADINO A UN ANNO esatto dall'omicidio di Katia Dell'Omarino si conoscerà la sentenza di primo grado nei confronti del venticinquenne Piter Polverini, il giovane di San Giustino umbro in carcere dallo scorso mese di settembre con l'accusa di aver ucciso la donna di Sansepolcro. Ieri mattina, infatti, difronte al... continua >>

(15-04-2017)

Ma lo sciopero degli avvocati potrebbe di nuovo far saltare tutto

Delitto di Katia, oggi il via libera alla doppia perizia su Piter?

di CLAUDIO ROSELLI  OMICIDIO di Katia Dell'Omarino: è il giorno dell'ok alle due perizie su Piter Polverini. Ma non è detto. Stamani, in teoria, si torna in aula al tribunale di Arezzo per completare l'iter interrotto lo scorso 4 aprile, quando era venuta a mancare la notifica per uno dei... continua >>

(14-04-2017)

Investimento di centomila euro anche nell'area a ridosso del fiume

Ora il Tevere e' diventato piu' sicuro Argini e pulizia, interventi conclusi

di CLAUDIO ROSELLI  FINALMENTE un aspetto dignitoso, o comunque migliore, per l'alveo del Tevere dal ponte sulla Senese Aretina a Sansepolcro fino al confine con l'Umbria. Gli interventi di ripulitura eseguiti non hanno avuto una finalità meramente «estetica» (della quale c'era comunque bisogno) ma anche di sicurezza; si può pertanto... continua >>

(13-04-2017)

Al lavoro ragazzi e operatori del centro riabilitativo 'Flauto Magico'

Un gesto d'aiuto alla comunita' Ripulite le sponde del Tevere

PER ALCUNE ore hanno lasciato le loro strutture e, dopo aver indossato guanti e stivali ed essersi rimboccati le maniche, hanno dato una mano sotto lo sguardo attento degli operatori, per un nobile obiettivo: quello di ripulire le sponde del fiume Tevere. Sono i ragazzi diversamente abili del centro socio... continua >>

(13-04-2017)

Anghiari, blitz della forestale dei carabinieri. Non avevano nessuna autorizzazione

Trasportavano rifiuti speciali: tre finiscono nei guai

TRASPORTAVANO rifiuti speciali, alcuni dei quali pericolosi, senza la necessaria autorizzazione: in tre si sono beccati la denuncia da parte dei carabinieri della Stazione Forestale di Sansepolcro, che sono risaliti all'intero meccanismo di gestione dell'attività. Tutto è nato nel corso di un normale servizio di istituto: la pattuglia si trovava... continua >>

(12-04-2017)

Che Tempo Fara'

Sansepolcro Tempo Min Max
venerdì 4 13
sabato 2 15
domenica 4 17