NOTIZIE LOCALI

Altre di Cronaca Raffica di colpi di pistola tra albanesi. Appello del sindaco al prefetto

Gambizzato nella notte di Pasqua La gente di Umbertide ha paura

«ERO sul piazzale della chiesa per la cerimonia del fuoco che precede la veglia di Pasqua. Intorno alle 22.30 ho sentito alcuni ‘botti'. Mi ha colpito la successione, prima un colpo poi altri 3 o 4 rapidissimi, che non è propria dei petardi. Ho pensato per un attimo fossero dei colpi d'arma da fuoco, poi mi sono detto saranno ragazzini è impossibile che siano spari. Ed invece era così!». Nelle parole di un cinquantenne umbertidese, l'incubo della sparatoria di Pasqua, sabato notte.
LA CITTÀ, prima in sordina, poi con Facebook che ne rimbalzava la notizia di ora in ora, ha dovuto fare i conti, stupita e angosciata, con il suo «piccolo» Far west. A restare a terra colpito in via Alfonsine, ad un passo dal Parco Ranieri, di fronte a delle case, un albanese di 36 anni (residente in Emilia Romagna) ferito a una gamba dai colpi di pistola sparati da un connazionale, un giovane di 24 anni che vive a Umbertide il quale si trova ora in stato di fermo a disposizione del pm Michele Adragna. Le ipotesi di reato vanno dal tentato omicidio alle lesioni gravi e porto abusivo di armi. All'origine della sparatoria, secondo quanto avrebbero raccontato i protagonisti, un' accesa discussione sfociata in pesanti offese e poi nel piombo.
GLI INQUIRENTI - sul fatto indaga il commissariato tifernate - non escludono alcuna pista e nel ventaglio delle possibilità inseriscono anche l'ipotesi di regolamento di conti legato al mondo degli stupefacenti. Nelle indagini, che proseguono da domenica notte, si sta rivelando preziosa la collaborazione tra polizia e carabinieri di Umbertide, che conoscono perfettamente il territorio e le dinamiche locali. Intanto in città è allarme. Il sindaco Marco Locchi parla di «fatto grave» e intende chiedere «un incontro con il questore e con il prefetto per incrementare l'attenzione e la presenza delle forze dell'ordine».
IL FATTO è avvenuto lungo una strada ,via Alfonsine - su cui si affacciano alcune villette a schiera - vicinissima alla Pineta Ranieri. Gli abitanti hanno paura: «La zona della pineta - dice la giovane donna proprietaria dell'abitazione di fronte alla quale e avvenuto il ferimento -, è diventata da tempo una centrale di spaccio e delinquenza. Vengono notte e giorno, abbiamo paura. Non so più quante volte abbiamo chiesto aiuto e protestato. Ora basta».
Pa.Ip.
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Inserita il : 18-04-2017 da wineuropa

Invia il tuo commento

Altre notizie di Altre di Cronaca

La vittima picchiata dopo aver sporto denuncia in caserma

Aggredisce la rivale in amore Donna finisce sotto processo

– CITTA’ DI CASTELLO – AGGREDITA e picchiata dalla ‘rivale’ in amore proprio mentre stava uscendo dalla caserma dei carabinieri dove l’aveva denunciata. E’ stata la molla della gelosia a scatenare una serie di minacce e lesioni ai danni di una donna di 48 anni - fidanzata all’epoca dei fatti - dell’uomo di... continua >>

(13-01-2018)

Monica Bellucci: Il Liceo mi ha aiutato molto

LA STORIA L’ATTRICE TIFERNATE IN UN VIDEO RACCONTA IL SUO FORTE LEGAME COL TERRITORIO

– CITTA’ DI CASTELLO – «HO FREQUENTATO il Liceo Plinio il Giovane a Città di Castello, una scuola che ricordo con tanto affetto e con molto rispetto perchè penso di averne ricevuto una certa forma mentis, un modo di sentire, percepire e realizzare le cose; quindi non solo quello che ci veniva insegnato,... continua >>

(13-01-2018)

Piove sulla Nardi

Gli operai: Il nostro Natale con 500 euro

di CRISTINA CRISCI – CITTA’ DI CASTELLO – PIOVE mentre gli operai picchettano i cancelli davanti ai capannoni della Nardi spa. Alcuni lo hanno fatto ieri mattina, altri saranno lì stamattina, dalle 8 a mezzogiorno, come se fosse un turno di lavoro. Scioperano a oltranza, tra la pioggia e lo sconforto con gli ombrelli che sono l’unica... continua >>

(12-01-2018)

Città di Castello, Holly aggredita all'esterno della clinica

Sta meglio il capriolo ferito dal lupo Ma abbiamo paura che ritorni

- CITTA' DI CASTELLO - ERA STATO ferito dall'attacco di un lupo che aveva ucciso anche l'altro capriolo. Adesso Holly, l'unica mascotte rimasta in vita di una clinica veterinaria, è stata operata e sta rispondendo bene alle cure. A dare la buona notizia è stata Beatrice Borrani, la veterinaria a... continua >>

(27-12-2017)

La Nardi venduta a una societa' inglese

CITTA' DI CASTELLO E' UFFICIALE

- CITTA' DI CASTELLO - E' UFFICIALE: la Nardi spa è passata in mano estere. Ad acquistare l'89,33% delle quote societarie (di proprietà della omonima famiglia) è stata una società inglese di investimenti con sede a Londra, (la finanziaria svizzera di cui si era parlato è la società di consulenza... continua >>

(22-12-2017)

Viceprefetto, ha gia' svolto incarichi simili in Umbria

Umbertide & il commissario Arriva Castrese De Rosa

- UMBERTIDE - ARRIVA il Commissario prefettizio. Si chiama Castrese De Rosa, qualifica viceprefetto, in servizio al Dipartimento della pubblica sicurezza del ministero degli interni ed al vertice dell'Ufficio degli affari della Polizia amministrativa e sociale. E' stato il prefetto perugino Raffaele Cannizzaro a firmarne ieri mattina il provvedimento di... continua >>

(20-12-2017)

Che Tempo Fara'